Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudi per acconsentire al loro utilizzo

RIGHI SARA (Parma 1971)

www.sararighi.it

Sara Righi, Prometeo, 2003, resina

0071- SARA RIGHI
"Prometeo"
Resina/resin, 100x162x62 cm ca.
2003 (fiamma: 2007)
Dono dell'Artista, 2007
Collocato in/where: Museo Sella
Web: www.sararighi.it
Pubblicato in: "Montepiano", novembre 2012, p. 9
 
 
 
 
 
"Prometeo" fa parte delle opere che l'Artista ha creato per la committenza della ditta "Costa Crociere", di cui la nostra rappresenta il prototipo in resina per l'originale bronzeo della nave Carnival Valor. E' stata esposta per la prima volta a Sella durante la mostra collettiva che nel dicembre 2006 ha inaugurato il percorso che quattro anni dopo avrebbe portato alla inaugurazione del Museo. Allora non era stata ancora realizzata la fiamma che identifica il titano, realizzata nel 2007 per completare l'opera lasciata in donazione al Comune, di fatto la prima della futura Collezione Civica d'Arte Contemporanea.
 
Sara Righi, Ipotesi per una ricostruzione,2009, ceramica0082- SARA RIGHI
"Ipotesi per una ricostruzione"
Ceramica/pottery, 52x47,5x14 cm
2009
Dono dell'Artista, 2010
Collocato in/where: Museo Sella
Web: www.sararighi.it
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'opera rientra a pieno titolo nella ricerca più genuina della scultrice di Bazzano (Pr) incentrata sul ruolo della donna nella società. 6 mattoni di ceramica costruiscono una sorta di muratura leggermente storta e su ognuno di essi è impressa una forma femminile a bassorilievo sempre uguale a sé stessa. L'Artista sembra qui posare l'attenzione sul ruolo fondamentale che la donna, generatrice di vita, ha nella costruzione della società (l'edificio composto da mattoni) e sulla problematica legata al suo pieno riconoscimento nella stessa società che ha contribuito fondamentalmente a costituire: la mancanza di caratterizzazione della donna, che è ridotta a uno stampo, ne evidenzia drammaticamente l'importanza come oggetto impersonale, funzionale ma non civilmente riconosciuto. La patina dei mattoni, liscia in alcuni casi e screpolata in altri, suggerisce anche altre forme di lettura.

MUSE

Facebook
 

MAB